Trionfo di San Rocco
La Via San Rocco vince il palio delle Contrade
Artenat dal mondo
Il Decennale Mariano ha richiamato gente da tutto il mondo.
Il Decennale Mariano 2015
Una festività che si svolge ogni 10 anni
Il Paese
Tra le cinque frazioni del Comune, Arten è la maggiore.
San Nicolò
La chiesetta di San Nicolò adiacente al cimitero
La Madonna delle Scalette
Uno dei più grandi e belli capitelli nel Paese
San Gottardo
La chiesa principale del Paese
Sagra di San Gottardo

Sagra di San Gottardo

Published: Maggio 03, 2016
Tutto pronto per la Sagra di San Gottardo in onore del patrone del Paese.
La Sagra si terrà presso il parco giochi di Arten.
    VENERDI' 29 APRILE
  • Ore 19.00: Apertura frasca e bar. Piatto del giorno: BACCALA'.
  • Ore 21.30: Musica sotto il capannone con DJ AMOS.

    SABATO 30 APRILE
  • Ore 19.00: Apertura frasca. Piatto del giorno: PAELLA.
  • Ore 21.30: Musica dal vivo con CANEVA SOUND.

    DOMENICA 1 MAGGIO
  • Ore 12.30: Pranzo Comunitario. Iscrizione presso i bar e gli alimentari.
  • Ore 15.30: Animazione per bambini e adulti.
  • Ore 19.00: Apertura frasca. Piatto del giorno: PIZZA.
  • Ore 21.30: Musica con DJ AMOS.

    GIOVEDI' 5 MAGGIO
  • Ore 10.00 Santa Messa
  • Ore 20.00 SANTA MESSA PER IL PATRONO SAN GOTTARDO
  • Messa Cantata dal coro "Schola Cantorum" di Arten
  • Dopo la messa incontro conviviale presso il centro parrocchiale.
  • CI SARA' IL MINESTRONE
Ndar a ciamar Marz 2016

Ndar a ciamar Marz 2016

Published: Dicembre 29, 2015

Lunedì 29 Febbraio si terrà la tradizionale ricorrenza del "Ciamar Marz", in cui giovani e bambini scorrazzeranno per le vie del paese cercando di fare più baccano possibile per chiamare la primavera.
Vi aspettiamo numerosi al centro parrocchiale alle ore 16.45 con tutto l'occorrente per far più rumore possibile.

Il tutto si dovrebbe concludere alle ore 18.00, in caso di maltempo la manifestazione verrà annullata.

Immagini Processioni Decennale 2015

Immagini Processioni Decennale 2015

Published: Agosto 25, 2015
Arten in fermento Immagini - 22 Agosto

Arten in fermento Immagini - 22 Agosto

Published: Agosto 07, 2015

Pubblicate nuove immagini del paese che si prepara al grande evento.
clicca qui per visualizzare

Opuscolo Decennale Mariano 2015

Opuscolo Decennale Mariano 2015

Published: Luglio 17, 2015
Ecco l'opuscolo finale del programma del Decennale Mariano, potete leggere online cliccando nell'anteprima qui sotto o scaricarlo in formato pdf cliccando qui.

 

Vuoi un riassunto veloce? Scarica il manifesto dell'evento.
Programma Decennale Mariano

Programma Decennale Mariano

Published: Giugno 27, 2015

In allegato una anticipazione del Programma per i festeggiamenti del Decennale Mariano.

Clicca qui per scaricare il programma in pdf.

A+ A A-

La Giustizia nella Provincia della Cargna


Durante il dominio della Serenissima Repubblica di Venezia l’amministrazione della giustizia nella ''Provincia della Cargna'' era riservata al Tribunale di Tolmezzo e le pene erano ratificate dal Consiglio della Terra.
Di quali delitti si macchiavano i nostri progenitori in quei secoli remoti? Sicuramente degli stessi che fanno tanto scalpore nella nostra società attuale e di questi non ne furono certamente esenti i nostri compaesani. Si andava dalle imprecazioni alle ingiurie, dalle violenze al furto, dalle percosse agli omicidi.
Lo storico locale Giovanni Gortani, già altre volte citato, ha trascritto numerosissime sentenze criminali emesse dal sopraccitato Tribunale; di queste, abbiamo potuto esaminare gli anni 1538-1565 ed emergono un numero impressionante di atti di violenza. In quel periodo, in Carnia, vi furono diciannove persone che, per mano altrui, persero anche la vita e la maggior parte di questi omicidi avvenne sempre a seguito di liti furibonde. Semplici diverbi scoppiati per cause apparentemente futili, complice molte volte l’alcool, sfociavano in atto di violenza che, alle volte, poteva divenire mortale se l’aggressore brandiva un qualsiasi oggetto offensivo (legno, sasso, pugnale, spada).

I castighi naturalmente erano proporzionati alla gravità della colpa e per il colpevole, sempre identificato con certezza di prove, costituiva un’aggravante determinante la sua contumacia. Ciò portava inevitabilmente ad un inasprimento della pena. Si andava dalla sanzione pecuniaria alla fustigazione, dalla messa alla berlina alla carcerazione, dal bando temporaneo al servire sulle galere venete. Nei casi più gravi era previsto il taglio della mano destra ed anche la pena capitale che, per il condannato, prevedeva, nei tempi più antichi, la decapitazione con successivo squartamento; ultimamente divenne d’uso anche l'impiccagione.

Di tutti i casi di omicidio esaminati, in solo due di essi il Tribunale di Tolmezzo emanò, al termine del processo, una sentenza capitale. La prima “sententia criminalis decapitatoria ad mortem” fu emessa nel 1540 a carico di un certo Valentino figlio del fu Domenico Pilinini, pescatore di Somplago di Cavazzo, riconosciuto colpevole di aver ucciso il suo compaesano Giorgio Biliani. Non ci è dato sapere se la pena capitale, che prevedeva per il Pilinini il taglio della testa su di un palco appositamente preparato (“amputetur caput illius a spatulis”), sia stata eseguita.
Si concluse invece, effettivamente sul patibolo, la condanna a morte comminata a Piero figlio del fu Francesco Piero del Basso, nativo di Arten del distretto di Feltre. Costui era un balordo vagabondo che andava elemosinando fingendosi ammalato. Fu riconosciuto colpevole di aver assassinato a bastonate, nei pressi di Forni di Sotto, un vero e povero mendicante di Treviso il quale, per giunta, era anche gobbo. La sentenza di condanna a morte venne emessa il 24 novembre 1539 ed eseguita nello stesso giorno ''...et presente multitudine tam populo quam territorij.'' (e presente una moltitudine tanto di popolo – di Tolmezzo, n.d.r. - quanto del territorio), come attestò il notaio Cristoforo Angeli che la annotò nei pubblici registri: ''...Petrum Bassi predictum, taliter quod obijt hic in Platea Tumetij, et ita divisum duxit extra portam inferiorem in loco solito, ubi in furcis quartas suspendit...'' (il predetto Pietro di Basso è stato squartato in quattro parti di modo che è morto qui sulla piazza di Tolmezzo e così diviso è stato portato fuori della Porta di Sotto, nel solito luogo, dove i quarti sono stati appesi sulle forche).

Da ''La Storia: Capitolo Quarto'' - Giulio Del Bon


StudioGi
StudioGi: - Via Conte Mengotti, 5/3 - Tel: 0439/56266 - Mail: sta.studiogi@gmail.com
Read more
Disponibile
Spazio Disponibile: Questo spazio è disponibile ad evenutali sponsor.
Read more

Visitatore numero:

186699
OggiOggi74
Questa SettimanaQuesta Settimana166
Questo MeseQuesto Mese653
Totale VisitatoriTotale Visitatori186699
Il tuo IP è:3.80.218.53


Dipinto sullo sfondo di P. Tempera
Copyright ©2015 -- All Rights Reserved
Powered and Designed by KAPPATI