Trionfo di San Rocco
La Via San Rocco vince il palio delle Contrade
Artenat dal mondo
Il Decennale Mariano ha richiamato gente da tutto il mondo.
Il Decennale Mariano 2015
Una festività che si svolge ogni 10 anni
Il Paese
Tra le cinque frazioni del Comune, Arten è la maggiore.
San Nicolò
La chiesetta di San Nicolò adiacente al cimitero
La Madonna delle Scalette
Uno dei più grandi e belli capitelli nel Paese
San Gottardo
La chiesa principale del Paese
Sagra di San Gottardo

Sagra di San Gottardo

Published: Maggio 03, 2016
Tutto pronto per la Sagra di San Gottardo in onore del patrone del Paese.
La Sagra si terrà presso il parco giochi di Arten.
    VENERDI' 29 APRILE
  • Ore 19.00: Apertura frasca e bar. Piatto del giorno: BACCALA'.
  • Ore 21.30: Musica sotto il capannone con DJ AMOS.

    SABATO 30 APRILE
  • Ore 19.00: Apertura frasca. Piatto del giorno: PAELLA.
  • Ore 21.30: Musica dal vivo con CANEVA SOUND.

    DOMENICA 1 MAGGIO
  • Ore 12.30: Pranzo Comunitario. Iscrizione presso i bar e gli alimentari.
  • Ore 15.30: Animazione per bambini e adulti.
  • Ore 19.00: Apertura frasca. Piatto del giorno: PIZZA.
  • Ore 21.30: Musica con DJ AMOS.

    GIOVEDI' 5 MAGGIO
  • Ore 10.00 Santa Messa
  • Ore 20.00 SANTA MESSA PER IL PATRONO SAN GOTTARDO
  • Messa Cantata dal coro "Schola Cantorum" di Arten
  • Dopo la messa incontro conviviale presso il centro parrocchiale.
  • CI SARA' IL MINESTRONE
Ndar a ciamar Marz 2016

Ndar a ciamar Marz 2016

Published: Dicembre 29, 2015

Lunedì 29 Febbraio si terrà la tradizionale ricorrenza del "Ciamar Marz", in cui giovani e bambini scorrazzeranno per le vie del paese cercando di fare più baccano possibile per chiamare la primavera.
Vi aspettiamo numerosi al centro parrocchiale alle ore 16.45 con tutto l'occorrente per far più rumore possibile.

Il tutto si dovrebbe concludere alle ore 18.00, in caso di maltempo la manifestazione verrà annullata.

Immagini Processioni Decennale 2015

Immagini Processioni Decennale 2015

Published: Agosto 25, 2015
Arten in fermento Immagini - 22 Agosto

Arten in fermento Immagini - 22 Agosto

Published: Agosto 07, 2015

Pubblicate nuove immagini del paese che si prepara al grande evento.
clicca qui per visualizzare

Opuscolo Decennale Mariano 2015

Opuscolo Decennale Mariano 2015

Published: Luglio 17, 2015
Ecco l'opuscolo finale del programma del Decennale Mariano, potete leggere online cliccando nell'anteprima qui sotto o scaricarlo in formato pdf cliccando qui.

 

Vuoi un riassunto veloce? Scarica il manifesto dell'evento.
Programma Decennale Mariano

Programma Decennale Mariano

Published: Giugno 27, 2015

In allegato una anticipazione del Programma per i festeggiamenti del Decennale Mariano.

Clicca qui per scaricare il programma in pdf.

A+ A A-

«SIGNOR DE CODER»

(o «SIGNOR DE CHEGOLA»)


Signor de Coder

Bortol Susin Innocente fu Pietro detto «Bortolo Coder» o, meno comunemente «Bortol Chegola»: era nato nel 1871; morì, povero e solo, nel 1956.

Fu persona mite e tranquilla, ma sfortuna di non poter avere lineamenti regolari gli si ritorse contr e gli fece vivere un’esistenza soggetta agli scherzi talvolta molesti dei suoi paesani e alle prese in giro burlone.

Gli Arteniesi si distinsero, soprattutto nel passato, per l'attenzione causticamente rivolta ai difetti altrui (massime degli estranei) e al gusto mordace di evidenziarli. Abbiamo ricordato nella prima parte di questa ricerca «Meno Minot»; richiamiamo qui brevemente alla memoria le vicende di un povero diavolo trapiantato ad Arten da Arten partitosi con l'amarezza di non esservi potuto regnare. Poiché natura lo aveva fatto nascere un po' più brutto degli altri dovette dimenticare il suo nome di battesimo per assumere quello di «Zaca-grili», impietosamente pronunciatogli in faccia e gridatogli dietro per le strade e nelle osterie. Un giorno il povero «Zaca-grili» trovò il gabinetto di legno in mezzo al paese, esposto alla contemplazione e alle risa e questo, a dire il vero, fu uno scherzo un po' troppo esagerato.

Bortol Susin aveva il labbro inferiore vistosamente conformato a sacca rigonfia ed ecco l'origine del soprannome che gli causò dispiaceri finché visse.

Per il resto era nato da donna come tutti, rispettoso e devoto, assiduo frequentatore della Chiesa, crocifero per scelta e per amore.

In età avanzata l'abitudine alla preghiera era trasformata in lui in una specie di fissazione, per cui recitava le sue orazioni ad alta voce, ovunque, soprattutto davanti a un capitello, accompagnandole da un incontrollato gesticolare e da ripetuti segni di croce che suscitavano le risa.

All’anagrafe era iscritto come agricoltore, in realtà arrivò a sperimentare anche l'umiliante condizione del nulla abbiente, solo e abbandonato, ma incapace di elemosinare per un istintivo senso di discrezione e di dignità.

La Marietta «Bach», che gli abitava vicino, lo sapeva e gli chiedeva:
-Avete mangiato oggi?
Egli rispondeva evasivamente, tutto confuso e lei capiva che se non gli avesse dato una fetta di polenta avrebbe saltato il pasto.

Per la croce egli nutriva venerazione e rispetto particolari. Se ne era tacitamente arrogato il privilegio di portarla, davanti a tutti, nelle processioni e nei funerali.

Ora avveniva che lungo il Canalet passasse la seconda Rogazione: quella che, provenendo da San Nicolò e da Tavarser, giungeva fino al confine con il comune di Pedavena.

Il sacerdote sostava per benedizione davanti al Signor del Castel, alla Croce di Golli, a un altarino con immagine sacra che la Marietta esponeva all'ingresso di casa sua e quindi al capitello di confine.

Poco oltre metà strada Bortolo Susin aveva una vigna e desiderava vivamente che il sacerdote si fermasse a benedirla, ma non vi era alcun simbolo di fede che ne giustificasse la sosta. Ecco allora nascere un lui l'idea di porvi una croce. B.T. afferma che era ancor piccolo quando Bortolo «Coder» andava da suo padre a chiedergli un'offerta, un contributo per piantare la croce e ricorda che suo padre gli diceva:
- Ma, andate a raccogliere soldi per piantare una croce? Se non ne avete fate a meno di piantarla.

Alla fine il vecchio la spuntò.

Il castagno sembrerebbe essergli stato donato da «Micel Paz» (Michiele Toigo) che possedeva una vigna a confine; la squadratura sarebbe stata eseguita da un altro vicino.

Tutto il lavoro di preparazione, invece, fu opera sua. Poi, quando il grande legno fu fissato al suolo, prima ancora che venisse raggiunto processionalmente per essere benedetto, ci fu l'esplosione di gioia di tutti coloro che in qualche modo avevano dato una mano.

Si prepararono alcune tavole davanti all’osteria di «Minot» (attuale civico 120 si Via Nuova) e si fece una grande merenda alle grida di «Eviva Bortol Susin!... Eviva Bortol… Coder!».

Eravamo poco oltre il 1930 e parrebbe che quella fosse anche la prima croce ad essere eretta in quel luogo.

La Rogazione incominciò a fermarsi a Bortolo Susin dovette in cuor suo essere contento; ma lo spireito cattivello degli abitanti di Arten, che non poteva starsene a lungo sopito, si risvegliò prontamente.

Come se non bastassero i molti tiri che gli venivano giocati mentre lavava i panni nell'acqua del torrente o l'oscuramento della finestra mentre si radeva la barba, di mattina presto, prima che la processione passasse, istigati dai grandi, i ragazzi raggiungevano la croce e vi appendevano un coder bene in vista.

Quello che succedeva quando Bortolo, passando davanti a tutti, vi posava gli occhi, non ha bisogno di essere menzionato.

Il nostro vecchio morì e la croce, non avendo più chi la curasse, marcì velocemente a causa delle infiltrazioni d'acqua che penetravano dalle tavole del tetto.

Il Cristo di legno, invece, crivellato dal tarlo per vetustà, e reperito chissà dove, venne nascostamente «deportato».

La croce attuale non è più quella di prima. Essa venne completamente rinnovata nel 1981 da Remo «Cos-cion» (Remo Toigo), (1) il quale contribuì in questo modo a salvare uno dei pochi segni che ancora ci ricordino il nostro debito di civiltà verso coloro che ci hanno preceduto.

Giuseppe Toigo


(1) Il tronco di castagno venne offerto, stavolta, da Armando De Bastiani.
StudioGi
StudioGi: - Via Conte Mengotti, 5/3 - Tel: 0439/56266 - Mail: sta.studiogi@gmail.com
Read more
Disponibile
Spazio Disponibile: Questo spazio è disponibile ad evenutali sponsor.
Read more

Visitatore numero:

185353
OggiOggi41
Questa SettimanaQuesta Settimana141
Questo MeseQuesto Mese692
Totale VisitatoriTotale Visitatori185353
Il tuo IP è:54.144.100.123


Dipinto sullo sfondo di P. Tempera
Copyright ©2015 -- All Rights Reserved
Powered and Designed by KAPPATI