Trionfo di San Rocco
La Via San Rocco vince il palio delle Contrade
Artenat dal mondo
Il Decennale Mariano ha richiamato gente da tutto il mondo.
Il Decennale Mariano 2015
Una festività che si svolge ogni 10 anni
Il Paese
Tra le cinque frazioni del Comune, Arten è la maggiore.
San Nicolò
La chiesetta di San Nicolò adiacente al cimitero
La Madonna delle Scalette
Uno dei più grandi e belli capitelli nel Paese
San Gottardo
La chiesa principale del Paese
Sagra di San Gottardo

Sagra di San Gottardo

Published: Maggio 03, 2016
Tutto pronto per la Sagra di San Gottardo in onore del patrone del Paese.
La Sagra si terrà presso il parco giochi di Arten.
    VENERDI' 29 APRILE
  • Ore 19.00: Apertura frasca e bar. Piatto del giorno: BACCALA'.
  • Ore 21.30: Musica sotto il capannone con DJ AMOS.

    SABATO 30 APRILE
  • Ore 19.00: Apertura frasca. Piatto del giorno: PAELLA.
  • Ore 21.30: Musica dal vivo con CANEVA SOUND.

    DOMENICA 1 MAGGIO
  • Ore 12.30: Pranzo Comunitario. Iscrizione presso i bar e gli alimentari.
  • Ore 15.30: Animazione per bambini e adulti.
  • Ore 19.00: Apertura frasca. Piatto del giorno: PIZZA.
  • Ore 21.30: Musica con DJ AMOS.

    GIOVEDI' 5 MAGGIO
  • Ore 10.00 Santa Messa
  • Ore 20.00 SANTA MESSA PER IL PATRONO SAN GOTTARDO
  • Messa Cantata dal coro "Schola Cantorum" di Arten
  • Dopo la messa incontro conviviale presso il centro parrocchiale.
  • CI SARA' IL MINESTRONE
Ndar a ciamar Marz 2016

Ndar a ciamar Marz 2016

Published: Dicembre 29, 2015

Lunedì 29 Febbraio si terrà la tradizionale ricorrenza del "Ciamar Marz", in cui giovani e bambini scorrazzeranno per le vie del paese cercando di fare più baccano possibile per chiamare la primavera.
Vi aspettiamo numerosi al centro parrocchiale alle ore 16.45 con tutto l'occorrente per far più rumore possibile.

Il tutto si dovrebbe concludere alle ore 18.00, in caso di maltempo la manifestazione verrà annullata.

Immagini Processioni Decennale 2015

Immagini Processioni Decennale 2015

Published: Agosto 25, 2015
Arten in fermento Immagini - 22 Agosto

Arten in fermento Immagini - 22 Agosto

Published: Agosto 07, 2015

Pubblicate nuove immagini del paese che si prepara al grande evento.
clicca qui per visualizzare

Opuscolo Decennale Mariano 2015

Opuscolo Decennale Mariano 2015

Published: Luglio 17, 2015
Ecco l'opuscolo finale del programma del Decennale Mariano, potete leggere online cliccando nell'anteprima qui sotto o scaricarlo in formato pdf cliccando qui.

 

Vuoi un riassunto veloce? Scarica il manifesto dell'evento.
Programma Decennale Mariano

Programma Decennale Mariano

Published: Giugno 27, 2015

In allegato una anticipazione del Programma per i festeggiamenti del Decennale Mariano.

Clicca qui per scaricare il programma in pdf.

A+ A A-

SAN GOTARDO

Vita Grama



Feltre el à par patroni San Vittore e Santa Corona; Mugnéi el à San Marco; Caup el à i Santi Vito e Modesto, séntha contar Santa Lùthia – tanti santi par on paesòt tant pithol -; Artén el à par patrono San Gottardo.

Feltre ha per patroni San Vittore e Santa Corona; Mugnai ha San Marco; Caupo ha i Santi Vito e Modesto, senza contare Santa Lucia – tanti santi per un paesotto tanto piccolo –; Arten ha per patrono San Gottardo.


De drio de l'altar maior de la Césa ghe n'è la pala de sto santo; a causa che là l'è tant scur, no se pol veder ben la pitura. El autòr de sta opera de arte no se sa chi che l'è stat; però se pol asegurar (dir de segùr) che, a causa del fum de le candele del altar, en vari secoli se à formà tel quadro na pàtina de calìu che no se pol distinguar gnint de la composithiòn. Vardando ben, se pol veder na facia con on capèl de vescovo; sto detaio (particolar) el fa pensar che san Gottardo el dovéa èser stat on vescovo; la cosa l'è che noi paesani no se ghe déa tanta importantha sora l'argòmento.

Dietro all'altare maggiore della Chiesa c'è la pala di questo santo; a causa che lì è tanto scuro, non si può vedere bene la pittura. L'autore di quest'opera di Arten non si sa chi è stato; però si può dire di sicuro che, a causa dei fumi delle candele dell'altare, in vari secoli si è formata sul quadro una patina di fuliggine che non fa più distinguere nulla della composizione. Guardando bene, si può vedere una faccia con un cappello da vescovo; questo dettaglio ci fa pensare che san Gottardo doveva essere stato un vescovo; cosa a cui noi paesani non davamo tanta importanza.


El quatro de maio de tutti i ani se celebréa la festa del patrono.

Il quattro di maggio di tutti gli anni si celebrava la festa del patrono.


En una de ste ocasiòn, don Federico, che el era on pretét de Fondaso (dighe pretét parché el era pithol e gobét), el l'è gnést a dir mesa in tertho, mesa solene, con tre preti e tuti i chiericheti e el coro che cantéa la mesa dei Angeli, sonada con el armonio de Angelìn Sacrestan (Angelo Toigo); insòma: na mesa co tuti i lusi che pol aver na mesa, con tut el popolo presente e le tose vestide co el pì bel vestì che le avéa par farse veder bele ai oci dei tosàt; en pì, le campane che sonéa el campanò: insòma na mesa solene te na festa de preceto.

In una di queste occasioni, don Federico, che era un pretino (pretét) di Fonzaso (dico pretino perché era piccolo e gobbo), è venuto a celebrare messa solenne, con tre preti e tutti i chierichetti e il coro che cantava la messa degli Angeli, suonata con l'armonio di Angelin Sacrestan (Angelo Toigo); insomma: una messa con tutti i lussi che può avere una messa, con tutto il popolo presente e le ragazze vestite con il più bel vestito che avevano per farsi veder belle agli occhi dei ragazzi; in più, le campane suonavano il campanò: imsomma una messa in una festa di precetto.


Tornando a don Federico, par logica, el tema de la predica te na ocasìon così la era la vita del Santo en questìon.

Tornando a don Federico, per logica, il tema della predica in una occasione così era la vita del Santo in questione.


Tut el andèa ben: don Federico el parléa proprio ben, parole ben dite: el diséa che el nostro Santo el era proprio an gran Santo, però no l'à podest spiegar parché el era on gran Santo… Fin qua, noi artenat areson tuti d'acordo, sora la santità del santo; i particolari de la so vita i era problemi del santo e dei preti: par noi, tant me féa.

Tutto andava bene: don Federico parlava proprio bene, parole ben dette: diceva che il nostro Santo era proprio un gran Santo, però non ha potuto spiegare perché era un gran Santo … Fin qui, noi artenat eravamo tutti d'accordo, sopra la santità del santo; i particolari della sua vita erano problemi del santo e dei preti: a noi non interessava.


La bòmba la è sciopada quando el prete el à dit che San Gottardo el era "todesco"!... A ste parole la Césa l'è stata paralizada. Noi fedeli a sta dichiarathiòn avòn sentist pasàr par el fil de la schéna on bivido de aria ingiathada! Todesco! … No pol èser! … Tuti i santi dei paesi qua intorn i è italiani! A noi de Arten i me à mes te le costole on tedesco!

La bomba è scoppiata quando il prete ha detto che San Gottardo era "tedesco"! … A queste parole la Chiesa si è paralizzata. Noi fedeli a questa dichiarazione abbiamo sentito passare per il filo della schiena un brivido di aria ghiacciata! Tedesco!... Non poteva essere!... Tutti i santi dei paesi qua intorno sono italiani! A noi di Arten ci hanno messo alle costole un tedesco!


… Parché? … Cosa avòne fat de mal? …

… Perché? … cosa abbiamo fatto di male? …


En quel mòmento la Césa la è stata thita, thita! Se sentia volar le mosche; che a quei tempi ghe n'éra tante. El clima el era preparà par incominthiar na rivoluthiòn! I fedeli, convertidi de colpo en revoluthionari, i se vardéa tei oci un co l'altro: la rivolta! El spirito latino ofendést par el teutonico. Brusar la Césa? … Ciapàr scarpade i preti? … Taiarghe la testa a don Federico? …

In quel momento la Chiesa è rimasta zitta, zitta! Si sentiva volar le mosche; e a quei tempi ce n'erano tante. Il clima era pronto per cominciare una rivoluzione! I fedeli, convertiti di colpo in rivoluzionari, si guardavano negli occhi uno con l'altro: la rivolta! Lo spirito latino offeso per il teutonico. Bruciare la Chiesa? … Prendere a scarpate i preti? … Tagliargli la testa a don Federico? …


Meno mal che el predicator, ispirà da Dio che el deve averlo iluminà, e se à acort de la situathiòn che el avea provocà. E dopo aver pensà on poc, el à althà la testa e vardando intorn in quel silenthio de tòmba, con na retorica ben acomodada, el à spiegà el seguente (quel che vien ades): par San Gottardo el éser todesco no l'à nesuna importantha. No se dovéa pensar mal, parché no la è questiòn politica: el odio no l'à gnint a spartir co la religiòn. "Noi siamo tutti figli di Dio. – el diséa don Federico – Dio non ha creato la politica, nemmeno le nazioni! Dio ha fatto l'amore e non l'odio. Questa è una questione di fede, una questione di religione, non politica …"

Meno male che il predicatore, ispirato da Dio che deve averlo illuminato, si è accorto della situazione che aveva provocato. E dopo aver pensato un po', ha alzato la testa e guardando intorno in quel silenzio di tomba, con retorico ben accomodata, ha spiegato quanto segue: per San Gottardo esser tedesco non ha nessuna importanza. Non si doveva pensare male, perché non è una questione politica: l'odio non ha niente da spartire con la religione. "Noi siamo tutti figli di Dio. – diceva don Federico – Dio non ha creato la politica, nemmeno le nazioni! Dio ha fatto l'amore e non l'odio. Questa è una questione di fede, una questione di religione, non politica…"


Con ste parole ben dite el à calmà on poc i animi.

Con queste parole ben dette ha calmato un po' gli animi.


"In Germania e in Austria – el à continuà – ghe n'è on mucio de Santi italiani e i todeschi i li rispeta e i ghe ol ben. E in pì – el disà – san Gottardo el è on gran santo, parché el lo à santificà el Papa de Roma. El Papa el savéa che san Gottardo el era on bon òm; el conoséa tuti i meriti de santità che el avéa. En pì – continuéa don Federico – en pì el à studià in Italia e è venuto per attingere la nostra cultura e versarla tel popolo todesco … "

"In Germani e in Austria – ha continuato – ci sono un mucchio di Santi italiani e i tedeschi li rispettano e gli vogliono bene. In più – diceva – san Gottardo è un gran santo, perché è stato santificato dal Papa di Roma. Il Papa sapeva che san Gottardo era un buon uomo; conosceva tutti i meriti delle santità che aveva. In più – continuava don Federico – ha studiato in Italia ed è venuto per attingere la nostra cultura e versarla tel popolo tedesco …"


- Anca a San Gottardo, come a noialtri, alora, ghe piaséa polenta e formai frit. – (se à pensà noi de Arten che se avéa na idéa precisa de la cultura).

- Anche a San Gottardo, coma a noi, allora, gli piaceva polenta e formaggio fritto. – (abbiamo pensato noi di Arten che avevamo un'idea ben precisa di cultura).


"E se il Papa lo ha fatto santo è perché aveva le sue ragioni. E se voi di Arten avete per patrono un santi tanto grande, dovete sentirvi orgogliosi."

"E se el Papa el lo à fat santo el è parché el avéa le so resòn. E se voialtri di Arten avé par patrono on santo tant grant, dové sentirve orgogliosi."


Dopo aver ben pensà par tuta la mesa, i òmin te le ostarie e le femene so le case i se à convinto che san Gottardo el era e el dòvea èser stat on gran vescovo. La resòn che i lo abia mes nostro patrono el è on problema dei preti e no de la dént. E se el destino co la volontà de Dio i lo à mes a Artén, così sia. Così san Gottardo el è tornà de novo sol cor dei artenat.

Dopo aver ben pensato per tutta la messa, gli uomini nelle osterie e le donne nelle case si sono convinti che san Gottardo era e doveva essere stato un gran vescovo. La ragione per cui lo hanno messo nostro patrono è un problema dei preti e non della gente. E se il destino con la volontà di Dio lo hanno messo ad Arten, così sia. Così San Gottardo è tornato nei cuori degli artenat.


Crede che don Federico el sarà mort séntha pardonarse el so eròr: ghe à falà poc che el podéa rovinar la fede dei artenat. Amen.

Credo che don Federico sarà morto senza perdonarsi quell'errore: è mancato poco che rovinasse la fede degli artenat. Amen


Tratto da VITA GRAMA - Florindo Simonetto
StudioGi
StudioGi: - Via Conte Mengotti, 5/3 - Tel: 0439/56266 - Mail: sta.studiogi@gmail.com
Read more
Disponibile
Spazio Disponibile: Questo spazio è disponibile ad evenutali sponsor.
Read more

Visitatore numero:

185353
OggiOggi41
Questa SettimanaQuesta Settimana141
Questo MeseQuesto Mese692
Totale VisitatoriTotale Visitatori185353
Il tuo IP è:54.144.100.123


Dipinto sullo sfondo di P. Tempera
Copyright ©2015 -- All Rights Reserved
Powered and Designed by KAPPATI